Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La vittima sarebbe stata pugnalata alle spalle

Caso Claps: Restivo arrestato


Caso Claps: Restivo arrestato
27/05/2010, 20:05

SALERNO - Disposto l'arresto di Danilo Restivo per l'omicidio della studentessa potentina scomparsa il 12 settembre 1993, il cui cadavere è stato ritrovato il 17 marzo scorso nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. La richiesta, avanzata dalla Procura generale di Salerno, è stata firmata dal gip. Il provvedimento è in corso di notifica a Restivo in Inghilterra, dove l'uomo è detenuto per un altro omicidio, quello della sarta Heather Barnett. L'accelerazione nelle indagini potrebbe essere stata impressa dalla comparazione tra il dna di Restivo e le tracce trovate nel sottotetto della chiesa.
Nel frattempo, emergono anche alcune indiscrezioni sull'autopsia effettuata sul corpo della ragazza. Elisa Claps è stata pugnalata più volte con un'arma da taglio e a punta ed è morta dissanguata. I risultati sono emersi nell'autopsia svolta presso l'istituto di medicina legale di Bari. Non sono emersi, invece, elementi per sostenere che Elisa sia stata finita per soffocamento. Secondo gli inquirenti, inoltre, Elisa è stata uccisa nel luogo in cui è stato ritrovato il corpo e l'omicidio è avvenuto nel giorno stesso della sua scomparsa.
Danilo Restivo, per sua stessa ammissione, è stato l'ultimo ad aver visto in vita Elisa Claps, la mattina del 12 settembre '93. I due si incontrarono nella chiesa della Trinità, dove Restivo voleva consegnarle - secondo quanto ha dichiarato lui stesso - un regalo. Restivo ha poi raccontato che Elisa si allontanò dalla chiesa, mentre lui si trattenne alcuni minuti in preghiera. Sulla vicenda ha lungamente indagato prima la Procura di Potenza, e poi quella di Salerno. Per fatti legati alla scomparsa di Elisa Claps, Restivo ha già subito una condanna definitiva per false dichiarazioni al pubblico ministero.
Il legale della famiglia Claps, Giuliana Scarpetta, rimanda ogni commento. «Sono 17 anni che si aspetta questo momento», dice soltanto, facendo trasparire una profonda soddisfazione. «Voglio attendere di leggere il provvedimento prima di commentare, anche per una forma di rispetto nei confronti degli inquirenti. Aspetto con ansia di poter leggere anche la perizia autoptica, e domani (venerdì, ndr) chiederò di poterne avere visione». «Esprimiamo soddisfazione per un atto che invano avevamo elemosinato per 17 anni» dice invece il fratello di Elisa, Gildo Claps. La famiglia «auspica» che l'arresto «sia il primo tassello di una verità attesa da un tempo interminabile».
L'ordine di arresto arriva a 72 giorni dal ritrovamento, nel sottotetto della canonica della chiesa della Santissima Trinità di Potenza, dei resti (scheletrizzati e mummificati) della studentessa di cui si erano perse le tracce quando aveva 16 anni. Il cadavere fu scoperto la mattina del 17 marzo da un operaio romeno che stava facendo un sopralluogo in vista di alcuni lavori per riparare i danni causati da un'infiltrazione di acqua piovana. La certezza che il cadavere fosse quello di Elisa arrivò già nel pomeriggio del 17 marzo, in seguito al riconoscimento di alcuni oggetti della ragazza (gli occhiali, i sandali, una maglia che la madre aveva tessuto per lei e l'orologio Swatch). I resti furono rimossi il pomeriggio del 18 marzo e trasportati al Policlinico di Bari dove il 23 marzo è cominciata l'autopsia eseguita dal professor Francesco Introna. La chiesa della Trinità fu chiusa il 17 marzo, riaprì per alcune ore la mattina del 18 e poi venne definitivamente sbarrata per consentire il lavoro degli agenti della Polizia scientifica. Giovedì 25 marzo emerse, inoltre, la notizia del ritrovamento precedente a quello «ufficiale» del 17 marzo: tra fine gennaio e inizio febbraio, il cadavere fu visto dal viceparroco della chiesa, il brasiliano don Vagno, e da due donne delle pulizie, che, però, hanno sempre smentito.


Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©