Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caso Claps:nel sottotetto non c'è il Dna di Restivo


Caso Claps:nel sottotetto non c'è il Dna di Restivo
11/06/2010, 14:06

Mario Marinelli, avvocato di Danilo Restivo, indagato per l'omicidio di Elisa Claps, riferendosi ai primi esami compiuti dai periti sui reperti prelevati dal sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza, dove il cadavere della studentessa potentina è stato trovato lo scorso 17 marzo, ha così commentato: "Aspettiamo gli esiti degli incidenti probatori però ribadiamo l'estraneità di Restivo. Le notizie che stanno emergendo sono piccolo tessere di un mosaico complessivo su cui costruiremo la base per affermare la perfetta estraneità di Restivo."
Il difensore di Restivo ha inoltre aggiunto che "prossimamente andrà in Inghilterra per incontrare Restivo, ma soprattutto per incontrare l'avvocato che lo sta seguendo lì". Restivo si trova in un carcere inglese dallo scorso 19 maggio con l'accusa di aver ucciso Heather Barnett il 12 novembre, una sarta che abitava di fronte casa sua, a Bournemouth, nel Dorset.

L'avvocato Marinelli ha chiuso dichiarando: "ci troviamo di fronte a 'certezze provvisorie' che stanno peraltro cominciando a crollare".

Commenta Stampa
di Lucrezia Girardi
Riproduzione riservata ©