Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nessuno è stato imputato per omicidio

Caso Cucchi: chiesto rinvio a giudizio per 12 persone


Caso Cucchi: chiesto rinvio a giudizio per 12 persone
26/10/2010, 16:10

ROMA - I Pubblici ministeri Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy hanno chiesto al Gip di Roma Rosalba Liso il rinvio a giudizio per 12 persone per la morte di Stefano Cucchi, il 31enne ragioniere romano morto nel 2009, dopo essere stato picchiato e lasciato morire di fame. Si tratta degli agenti di Polizia Penitenziaria che l'hanno picchiato e dei medici e degli infermieri dell'ospedale Pertini che l'hanno fatto morire di fame. Uno degli imputati, il funzionario del Prap (Provveditorato regionale amministrazione penitenziaria) Claudio Marchiandi, ha chiesto procedersi col rito abbreviato ed il Pm ha chiesto una reclusione di 2 anni, con la concessione della sospensione condizionale della pena. I reati contestati agli imputati, ognuno per la sua parte, sono lesioni aggravate, abuso di autorità nei confronti di un arrestato, falso ideologico, abuso d'ufficio, abbandono di persona incapace, rifiuti di atto d'ufficio, favoreggiamento e omissione di referto. Manca ovviamente l'accusa di omicidio, quanto meno nella versione dell'omicidio colposo.
Ma i genitori non ci stanno e hanno preannunciato che chiederanno al giudice una perizia definitiva per accertare le cause della morte di Cucchi. Infatti, la perizia disposta dal Pm contiene errori ed inesattezze che rendono impossibile individuare le cause della morte.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©