Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capo equipe medica e legale degli Englaro convocati

Caso Englaro: entra in scena la Procura


Caso Englaro: entra in scena la Procura
05/02/2009, 09:02

Mentre il governo entra attivamente in gioco, con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che promette un decreto legge per annullare gli effetti della sentenza della Corte di Appello di Milano (stabilendo un precedente storico, per la Repubblica Italiana; una cosa mai avvenuta dal 1948, fermare l'attuazione di una sentenza per decreto legge) sul caso Englaro, per il momento tocca alla magistratura di Udine interferire. E così sono stati convocati presso la Procura di Udine Amato De Monte, anestesista che guida l'equipe che si occupa di Eluana, e Giuseppe Campeis, legale della famiglia Englaro. L'argomento è facile da immaginare, ovviamente.
Nel frattempo il Vaticano continua a lanciare anatemi e frasi di falso pietismo, aiutato da associazioni create per l'occasione o anche preesistenti, che attaccano violentemente - sia pure a parole - il padre di Eluana. Come la Comunità Giovanni XXIII, che ha addirittura chiesto di togliere a Beppe Englaro la tutela della figlia, perchè vuole uccidere la figlia, e affermando che "siamo arrivati alla cultura di Sparta, dove il più forte uccide il più debole". Parole che si commentano da sole, per chi guarda alla realtà dei fatti.
C'è una cosa che incuriosisce, chi sta seguendo la vicenda con attenzione: mentre la famiglia Englaro ha scelto un profilo di minima appariscenza ed estremamente legale, coloro che si dichiarano "a favore della vita" hanno scelto profili di massimo impatto mediatico, estremamente aggressivi e violenti (Beppe Englaro in questi anni come minimo si è beccato la qualifica di assassino, sia dal Vaticano che dalle associazioni che sono da esso appoggiate). Segno evidente che le loro argomentazioni sono assolutamente illegali, fuori dalla Costituzione e frutto di un puro furore ideologico, completamente indifferente al rispetto di Eluana Englaro, dei suoi familiari e delle istituzioni italiane.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©