Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caso Englaro: esposti metterebbero in dubbio ultime volontà della donna


Caso Englaro: esposti metterebbero in dubbio ultime volontà della donna
05/02/2009, 14:02

A quanto pare, la motivazione ufficiale degli ultimi interventi della magistratura friulana nella vicenda di Eluana Englaro partirebbe da alcuni esposti (da quattro a sei, pare) che sono stati inviati a tappeto a procure, Carabinieri e così via. In questi esposti si contesterebbe che la volontà di Eluana fosse quella testimoniata dal padre e dagli amici della ragazza, cioè quella di non fare la fine di un vegetale. Ricordiamo che questa espressione di volontà, solo verbale, ci fu quando - un anno circa prima dell'incidente fatale - vide il corpo di un amico in coma. Certo, appaiono strani questi esposti che appaiono ora e che, per essere presi seriamente in considerazione, devono appoggiarsi a qualche testimonianza in senso contrario. Come mai non sono saltati fuori durante gli ultimi 10 anni in cui Beppe Englaro ha portato avanti una azione giudiziaria dietro l'altra? Se è una volontà di Eluana, quella che è uscita fuori, è vecchia di almeno 17 anni, visto che il suo cervello è morto allora.
Nel frattempo, si moltiplicano le voci - confermate dal portavoce del Governo Paolo Bonaiuti - di un decreto legge di imminente approvazione col quale si vuole annullare una sentenza passata in giudicato. C'è da sperare che in questo caso il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per la prima volta da quando è stato eletto, si ricordi che il suo dovere è difendere la Costituzione da violazioni di questo genere.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©