Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CASO ENGLARO: PRONTO IL RICORSO AL TAR CONTRO FORMIGONI


CASO ENGLARO: PRONTO IL RICORSO AL TAR CONTRO FORMIGONI
08/01/2009, 12:01

Anche se Beppino Englaro continua a limitare i suoi rapporti con la stampa, per tenere un basso profilo, sembra essersi deciso a fare un passo legale estremamente importante: fare ricorso al TAR per ottenere l'esecuzione della sentenza della Corte d'Appello di Milano che gli permette di staccare l'alimentazione e l'idratazione alla figlia Eluana, in coma vegetativo da 17 anni. Infatti è bene ricordare che, dopo quella sentenza il Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, con un atto inaudito e basato esclusivamente su considerazioni elettorali e religiose personali ("Io sono cattolico e non ammetto che si vada contro il Vaticano che ha proibito di rispettare questa sentenza", questo in sintesi il contenuto dell'atto di indirizzo) ha proibito alle strutture mediche lombarde di accettare l'ultima fase della vita di Eluana Englaro. Divieto che poi è stato esteso, sulla base di considerazioni simili, a tutta Italia dal Ministro del Welfare Maurizio Sacconi che ha pesantemente minacciato qualunque clinica si azzardi ad accettare il corpo della ragazza.

Adesso il ricorso dovrebbe essere presentato con procedura d'urgenza; in caso di accoglienza, verrebbe nominato un commissario speciale che sceglierebbe d'autorità l'hospice adatto. E in caso di rifiuto, potremmo assistere alla scena di un'ambulanza che entra accompagnata da una scorta di poliziotti o carabinieri che vigilino sulla corretta esecuzione della sentenza. E questa sarebbe la dimostrazione definitiva dell'illeggittimità con cui i politici svolgono il loro ruolo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©