Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CASO MEREDITH, IL PADRE DI RAFFAELE SICURO DELL'INNOCENZA DEL RAGAZZO


CASO MEREDITH, IL PADRE DI RAFFAELE SICURO DELL'INNOCENZA DEL RAGAZZO
10/11/2007, 12:11

Diro' a mio figlio di cercare di stare il piu' tranquillo possibile perche' lui e' completamente estraneo a questa tragedia''. Lo ha detto Francesco Sollecito, il padre di Raffaele arrestato per l'uccisione della studentessa inglese Meredith Kercker, prima di entrare nel carcere di Capanne per incontrarsi con lui.

''Mi aveva parlato di Amanda - ha proseguito - dicendo semplicemente che aveva conosciuto questa ragazza e che stavano insieme da qualche giorno''. Riguardo al fatto che Raffaele portasse con se' sempre il coltello, il padre ha detto che ''ci sono tanti modi di fare collezionismo. Anche io - ha proseguito - sono un collezionista di armi, collezioni fucili ed altro, mentre lui ha questa passione per i coltelli''. ''Che mio figlio facesse uso di spinelli - ha detto poi rispondendo ai giornalisti - l'ho saputo all'ultimo momento, ma sinceramente non me ne ero mai accorto''.

Anche la madre di Amanda Knox, la studentessa di Seattle arrestata per l'omicidio della sua coinquilina a Perugia, e' stata vista entrare stamani poco dopo le 8 nel carcere di Capanne, dove si trova la figlia. Era accompagnata da un'altra donna ed ha evitato i giornalisti. La madre di Amanda era partita dagli Stati Uniti subito dopo avere appreso del delitto per stare vicina alla figlia nel difficile momento e durante il viaggio aveva saputo del suo arresto con l'accusa di omicidio.
(Fonte:ansa.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©