Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NUove tecniche a disposizione: " il tentativo va fatto"

Caso Meredith:Nuove indagini sul coltello, la Corte è contraria

Pm: I periti non hanno fatto il loro compito

Caso Meredith:Nuove indagini sul coltello, la Corte è contraria
07/09/2011, 15:09

Sono passati quattro anni dall’inizio del processo Meredith e a distanza di tanti anni, quando tutto sarebbe dovuto essere stato risolto ecco avanzata la richiesta da parte del Pubblico Ministero di una nuova perizia per riesaminare le accuse a carico di Raffaele Sollecito e Amanda Knox per l’assassinio di Meredith Kercher.
Al centro della perizia il coltello, già esaminato in passato e sul quale furono ritrovate le impronte di Amanda Knox( sul manico) e di Meredith Kercher(sulla lama). Dopo i ritrovamenti del dna effettuati dalla polizia scientifica, il coltello fu ritenuto dall’accusa l’arma del delitto.
La Corte d’Assise d’appello a Perugia ha però ritenuto superflua una nuova indagine e pertanto ha respinto la richiesta di una nuova perizia. Il presidente della Corte in Aula ha riferito:”Gli accertamenti effettuati dai periti e gli elementi forniti dai consulenti consentono a questa corte di formarsi un convincimento». Respinta, da parte della stessa Corte, anche la richiesta di ascoltare nuovamente il pentito Luciano Aviello.
Non si è mostrata d’accorto il perito Carla Vecchiotti che ha spiegato come "il profilo presente sulla lama, con l'interpretazione dei picchi così come è stata fatta dalla scientifica, cioè sotto la soglia, può appartenere a Meredith Kercher" ma "i livelli presi in esame non sono da considerare attendibili". Secondo l'esperta, inoltre, "manca la ripetibilità del dato" che «è un elemento indispensabile”.

Dubbi, nel corso di questo processo , anche sul ruolo dei periti che come ha evidenziato il pm Comodi , non hanno aiutato la Corte ad accertare la verità non adempiendo al loro compito di periti: “Non hanno risposto ai quesiti, hanno lanciato dubbi, detto che tutto è possibile. Periti inadeguati a procedere ad ulteriori analisi. Per questo chiediamo che la Corte nomini nuovi periti”. Ha continuato il pm “i periti hanno omesso di riferire alla Corte che ci sono macchinari in grado di leggere tracce di peso anche molto basso. Qui è possibile e un tentativo va fatto”.
Si sono mostrati contrari ad una nuova perizia genetica, anche difesa di Amanda Knox e di Raffaele Sollecito: “no assoluto”.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©