Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Borsone nell’isola di Curaçao a 200 km da Los Roques

Caso Missoni: Trovata borsa che era sull’aereo scomparso


Caso Missoni: Trovata borsa che  era sull’aereo scomparso
28/01/2013, 10:10

LOS ROQUES - Il ritrovamento di una borsa da Kitesurf potrebbe essere un indizio molto importante per risolvere il mistero dell’aereo scomparso il 4 gennaio scorso su cui viaggiava anche Vittorio Missoni e la sua compagna. A rivelare queste nuove informazioni è il “Corriere della Sera”, specificando che il suddetto bagaglio non era di proprietà del Missoni ma che era stato imbarcato nell’aereo durante il tragico volo. La borsa sembra essere stata ritrovata a 200 chilometri da Los Roques, nell’isola di Curaçao. Da quanto riportato,  risulta che la borsa sia stata rinvenuta da un tedesco che era sull’isola per una vacanza ed, una volta ritornato nel suo Paese, ha pensato di inviare una e-mail all’indirizzo segnalato sulla targhetta di riconoscimento, ovvero quello appartenente a Giorgio Neri, il connazionale che aveva lasciato il suo borsone sul volo partito precedente dal suo da Los Roques. Niente altro è stato ritrovato, nessuna traccia né degli indumenti dei passeggeri né resti dell’aereo. Tuttavia, il ritrovamento della borsa sembra confermare la teoria dell’inabissamento del velivolo. Sull’isola è giunto Claudio Verna, cognato di Missoni, che insieme ad alcuni funzionari stanno eseguendo un sopralluogo per accertamenti e per verificare i particolari di questo prezioso reperimento. La faccenda risulta, tuttavia, alquanto inspiegabile e incomprensibile. Le speranze, purtroppo, di ritrovare sane e salve le persone che erano su quel volo sono sempre più assopite.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©