Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dichiarazioni shock del legale della famiglia Orlandi

Caso Orlandi: "Emanuela è viva e si trova in Turchia"

Imposimato: "Fu rapita per ricattare il papa polacco"

Caso Orlandi: 'Emanuela è viva e si trova in Turchia'
08/05/2012, 19:05

ROMA – «Emanuela Orlandi è viva e si trova in Turchia o comunque in Medio Oriente». È l'opinione di Ferdinando Imposimato, ex magistrato e attualmente legale della famiglia Orlandi, oggi ospite in studio della trasmissione radiofonica “Un Giorno da Pecora”. «Io credo che Emanuela Orlandi possa esser viva», ha esordito Imposimato. E ha aggiunto: «è stata rapita e portata prima in Germania, poi in Francia e poi, secondo le testimonianze, in Estremo Oriente». Il rapimento sarebbe stato organizzato «per ricattare il Papa, Giovanni Paolo II. Lui si era ostinato a ritornare in Polonia, il 16 giugno del 1983, per invitare i polacchi alla rivolta contro il regime. E quando è tornato a Roma ha trovato Emanuela Orlandi rapita, lui tornò dalla Polonia il giorno dopo il suo rapimento». Il rapimento, secondo Imposimato, era dunque una maniera per ricattare il Pontefice «affinchè non facesse propaganda anticomunista. Il Papa non parlò più della Polonia. Fu un ricatto dell'Unione Sovietica, del Kgb e dei bulgari». Ma se il Papa poi non parlò più della Polonia, perchè Emanuela non fu liberata? «Perchè nel frattempo lei aveva iniziato una relazione con uno dei suoi rapitori, uno dei lupi grigi. E poi fu portata sicuramente in Turchia». E quanto all'ipotesi che l'esponente della Banda della Magliana Enrico De Pedis sia davvero sepolto nella Basilica di Sant'Apollinare, Imposimato, che sulla Banda ha indagato, non ha dubbi: «Sicuramente sì. E bisognerebbe aprire la sua tomba».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©