Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sotto accusa anche Ponzellini e Robero De Santis

Caso Penati: ci sono sei nuovi indagati per le tangenti


Caso Penati: ci sono sei nuovi indagati per le tangenti
10/05/2012, 09:05

MILANO - Si allarga l'inchiesta sull'ex presidente della provincia di Milano Filippo Penati. Tra gli indagati sono finite altre sei persone, accusate di finanziamento illecito ai partiti, tutte considerate vicine al centrosinistra. Innanzitutto Massimo Ponzellini, ex direttore della Banca Popolare di Milano, per aver finanziato con 5000 euro di quota associativa la fondazione Fare Metropoli, di Penati. Poi Enrico Corali, presidente della Banca di Legnano, che versò 10 mila euro alla fondazione e che successivamente venne nominato da Penati in Expò 2015. Poi due imprenditori noti al centrosinistra, come Enrico Intini - indagato a Bari per i suoi affari non troppo trasparenti con Giampaolo Tarantini, l'uomo che forniva le escort a Berlusconi - e Roberto De Santis, coproprietario dell'imbarcazione Ikarus insieme a Massimo D'Alema. I due sono co-proprietari - insieme a Renato Sarno, che per i Pm è il collettore delle tangenti per Penati - della società immobiliare MilanoPace, molto attiva a Sesto San Giovanni, dove Penati è stato sindaco a lungo. Questa società ha pagato 20 mila euro a Fare Metropoli, mentre altri 10 mila sono arrivati da Servizi globali, altra società di Intini.
Gli ultimi due sono considerati coloro che materialmente gestivano la contabilità della fondazione di Penati. Si tratta del Presidente Piero Rossi, un fedelissimo dell'ex presidente della provincia di Milano, e di Carlo Sergio Parma, nominato consulente della fondazione.
Secondo i Pm, Fare Metropoli è solo una copertura, dato che non ha mai fatto nulla: nè convegni, nè altre iniziative che possano giustificare le spese. Ma allora questi soldi (insieme a tutti gli altri raccolti dalla fondazione) a chi sono andati? Il sospetto dei Pm è che siano stati finanziamenti illeciti a Penati.
Probabilmente nel giro di qualche settimana verranno notificati gli avvisi di chiusura indagini, preludio alle richieste di rinvio a giudizio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©