Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oggi ad Ascoli il giuramento delle soldatesse

Caso Rea, Esercito: “Se è colpevole Parolisi pagherà”


Caso Rea, Esercito: “Se è colpevole Parolisi pagherà”
28/10/2011, 17:10

ASCOLI - “Se Parolisi sarà giudicato colpevole, pagherà come è giusto altrimenti l'Esercito è sempre la sua famiglia”.  A parlare è il capo di Stato maggiore, Giuseppe Valotto.

A margine del giuramento delle soldatesse ad Ascoli, la stessa caserma dove è nato l'amore fra Salvatore Parolisi e l'amante Ludovica Perrone, Valotto ritorna sul caporalmaggiore di Frattamaggiore accusato di aver ucciso la moglie, Melania Rea lo scorso aprile.

Nel suo discorso ufficiale alla cerimonia, il generale Valotto non ha mai citato esplicitamente il caso di Melania Rea, né ha fatto il nome di Parolisi, ma i riferimenti sono stati tutti chiarissimi specie quando chiarisce: “Nel 2010 in tutto l'esercito italiano abbiamo registrato un caso di mobbing, un solo caso di denuncia per molestie sessuali e nessun caso di nonnismo, che per noi rappresenta un risultato strepitoso”. Immancabile, poi, un passaggio sui rapporti fra istruttori e soldatesse : “Vogliamo andare contro natura? Spero solo che facciano molti figli e che vengano al 235esimo reggimento – ha aggiunto Valotto -  visto che spero aumenti presto la percentuale di donne nell'esercito italiano attualmente attestata al 7%".

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©