Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

La data di convocazione non è stata ancora fissata

Caso Rea, la Procura ascolterà Ludovica come teste


Caso Rea, la Procura ascolterà Ludovica come teste
02/09/2011, 17:09

TERAMO – Continua ad indagare la Procura di Teramo su Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore alla caserma di Ascoli Piceno accusato di aver ucciso la moglie 29 enne, Melania Rea.

Ora le attenzioni dei Pm, Davide Rosati e Greta Aloisi, sono orientate anche su Ludovica Perrone: la soldatessa che aveva una relazione con Parolisi (in carcere dal 20 luglio scorso perché unico sospettato dell'omicidio) sarà ascoltata come test. La data di convocazione ancora non è stata fissata, ma non si esclude che possa essere sentita già entro la prossima settimana

Nei giorni scorsi sono stati ascoltati anche i parenti di Melania e di Salvatore assieme alle amiche del cuore della vittima, Imma, Valentina ed il marito di quest’ultima, Nello. La notizia delle audizioni è stata diffusa dagli stessi pm, che al termine della giornata di interrogatori, hanno poi fatto il punto della situazione con i carabinieri dei reparti operativi di Teramo ed Ascoli Piceno.
I tre amici della giovane mamma di Somma Vesuviana, hanno ribadito quanto già detto in precedenza e hanno, in più, sottolineato il difficile rapporto che il caporalmaggiore dell'Esercito aveva con il denaro. Questo elemento, secondo la procura teramana, sommato agli attriti nel rapporto coniugale, reso ancor più difficile dopo la scoperta del tradimento di Parolisi con Ludovica, consoliderebbe l'ipotesi di un movente passionale dell'omicidio.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©