Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caso Rignano: collega maestre indagate, sono innocenti e abusi solo illusione collettiva


Caso Rignano: collega maestre indagate, sono innocenti e abusi solo illusione collettiva
05/02/2009, 19:02

"Vogliamo gridare al mondo l'innocenza delle nostre colleghe, non per amicizia nei loro confronti ma per amore della verita' e della giustizia e per evitare un errore giudiziario". E' quanto ha detto la maestra Emanuela, una delle colleghe delle maestre della scuola materna 'Olga Rovere' di Rignano Flaminio accusate di presunti abusi su alcuni alunni, intervenendo al teatro comunale 'Paladino' dove, alla presenza di circa 200 persone, le insegnanti hanno espresso la loro solidarieta' alle indagate. "E' una storia del tutto priva di logica -ha aggiunto- il loro dolore e' la nostra sofferenza, ci sentiamo umiliate e ferite come educatrici. Proviamo pena e dolore per i figli dei denuncianti, costretti ad entrare nel vortice di una illusione collettiva. Se ci sara' un processo le vere vittime, oltre agli insegnanti, saranno i bambini". La maestra ha spiegato che nella scuola Olga Rovere "non e' successo mai nulla" di quanto e' stato denunciato: "La scuola ha una struttura quasi completamente a vetri, attraverso i quali e' possibile vedere anche all'esterno -ha sottolineato- e' un viavai continuo, infatti i bagni quasi sempre sono frequentati, nei corridoi ci sono bidelli, cuochi e spesso vi e' un operaio comunale per piccole opere di manutenzione oppure il fornaio che rifornisce la mensa. E ancora -ha proseguito- i genitori arrivano ad ogni ora anche durante quelle scolastiche". "Le nostre colleghe -ha detto la maestra tra gli applausi dei presenti- sono innocenti e nella scuola non e' successo nulla di quanto denunciato. Ci appelliamo alla magistratura perche' nulla sia lasciato al caso in questa fase e perche' le sorti di queste maestre siano trattati con il dovuto rispetto". Infine, un pensiero per la sua collega e maestra indagata Marisa Pucci: "Ha un'indiscussa professionalita', i bimbi erano sempre gioiosi in sua compagnia. Se e' un orco oppure un mostro ce ne fossero tanti di orchi cosi' perche' il mondo sarebbe piu' bello”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©