Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

La modella teste al processo a carico di Silvio Berlusconi

Caso Ruby, cambia lo scenario con la testimonianza della Polanco

La ragazza ai giudici: “Nessuna si è mai spogliata”

Caso Ruby, cambia lo scenario con la testimonianza della Polanco
25/05/2012, 15:05

MILANO – "Nessuna ragazza si è mai spogliata, indossavamo abiti da burlesque". Ha descritto così le feste ad Arcore, a casa del Cavaliere Silvio Berlusconi, la modella Marysthell Garcia Polanco, convocata come testimone al processo sul caso Ruby.
La sua testimonianza, dunque, mette in discussione quanto invece avevano dichiarato precedentemente altre ragazze. La modella ha raccontato anche di aver fatto l'imitazione della Boccassini per far ridere Berlusconi, ma nulla di più. E’ stato, inoltre, precisato che le ospiti non si facevano toccare né toccavano nelle parti intime Berlusconi e Emilio Fede.
Le cene, per la Polanco, si svolgevano in maniera molto semplice e senza eccessi. Si cantava con il karaoke e dopo aver mangiato si scendeva nella discoteca e ci si mascherava. "Mi ero travestita da Boccassini con la toga addosso per farlo ridere e anche da Obama", ha spiegato la ragazza, che poi ha descritto nei particolari gli abiti da burlesque usati durante gli spettacoli. Si indossava, a sentire la modella, reggiseno e mutande molto lavorati e con piume, cappello e boa avvolto al collo.
Durante la testimonianza, la giovane ha anche detto di aver incontrato a una delle feste ad Arcore Ruby La ragazza ha poi ammesso di aver ricevuto soldi in contanti (10mila euro) su disposizione di Silvio Berlusconi dal ragioniere Giuseppe Spinelli e anche regali, cose semplici, non costose.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©