Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rischia l'imputazione per falsa testimonianza

Caso Ruby: la Conceicao si contraddice su tutto


Caso Ruby: la Conceicao si contraddice su tutto
29/06/2012, 19:06

MILANO - Nuova udienza per il processo che vede SIlvio Berluscono imputato di concussione e di aver pagato una minorenne (Karima El Marough, alias Ruby Rubacuori) perchè si prostituisse.
Una udienza che è andata male per l'Accusa. Infatti, doveva essere sentita Michelle Conceicao, la prostituta brasiliana presso cui abitava Ruby e che quando la stessa venne arrestata per furto - prima che Berlusconi chiamasse in Questura per farla liberare - avvertì l'ex premier dell'arresto. Pochi giorni fa, in una intervista su L'Espresso, aveva anche detto di aver visto la ragazza marocchina che aveva fatto sesso con Berlusconi; ma oggi in aula ha avuto molte incertezze e contraddizioni, tanto che il Pm Ilda Bocassini ha dovuto contestarle (termine tecnico, significa leggere al teste parti di precedenti dichiarazioni e verificare l'attendibilità di quanto sta dicendo, ndr) molte frasi da precedenti verbali. Per esempio la Conceicao ha detto di aver visto Ruby ad Arcore nell'aprile 2010; poi, dopo le contestazioni, ha ammesso di non averla mai vista lì. Ha detto di non essere stata ad Arcore dopo quella cena, ma la Bocassini le ha fatto notare che il suo cellulare ha agganciato la cella di Arcore nel luglio 2010. E così via. Alla fine il Pm ha dovuto farle presente che rischiava l'imputazione per falsa testimonianza, prima di chiudere anticipatamente l'esame.
Non è andata meglio con Roberta Bonasia, accreditata come fidanzata di SIlvio Berlusconi. Anche lei, durante la sua deposizione, è caduta numerose volte in contraddizione, costringendo il Pm a contestarle ampi stralci di verbale.
Alla fine la Bocassini, visto che finora quasi tutte le ragazze coinvolte nelle cene di Arcore hanno rilasciato delle testimonianze pressochè nulle, a causa delle contraddizioni e inverosimiglianze, ha annunciato di rinunciare ad una quarantina di testimoni, tra cui alcuni nomi conosciuti ( Iris Berardi, Alessandra Sorcinelli, Raffaella Fico, Eleonora Faggioli), la parte offesa Karima El Marough e il giornalista Emilio Fede. La difesa si è riservata per la prossima udienza di dare o meno il proprio consenso. Udienza che sarà il 9 luglio e in cui verranno sentiti, come imputati di reato connesso (quindi con la facoltà di non rispondere), Nicole Minetti e Lele Mora.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©