Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per i Pm ci sono alcune "anomalie" nell'inchiesta

Caso Ruby: ritrovate anche alcune foto

Le immagini ritrovate sui pc sequestrati alle ragazze

Caso Ruby: ritrovate anche alcune foto
29/01/2011, 10:01

Nella delicata e rovente inchiesta sul cosiddetto Ruby-gate, i pm hanno riscontrato una considerevole mole di "anomalie" che, solitamente, vengono inquadrate come lampanti (e gravi) tentativi di inquinare le prove del reato sul quale si sta indagando. L'elenco è difatti abbastanza lungo e parla della presunta subornazione di testimoni da parte dello stesso Silvio Berlusconi, del ritrovamento di verbali difensivi in casa delle ragazze perquisite, della traccia di versamenti di denaro promessi od effettuati a Ruby-Karima, del pagamento degli avvocati di almeno un indagato da parte del presidente del Consiglio, e dell’avvertimento di Emilio Fede alla Minetti sull’intercettazione di ben "tre telefoni" diversi.  
Insomma: se l'attività dei magistrati e dell'accusa è stata più volte definita ossessiva ed esagerata, a quanto sembra, anche quella della difesa non ha risparmiato colpi bassi e manovre non proprio legali. Nonostante tutto, comunque, i Pm hanno dato l'impressione di non voler dar troppo peso (almeno per ora) a tali "anomalie" e di voler procedere con la richiesta di giudizio immediato che sarà inviata al gip subito dopo aver ascoltato le dichiarazioni di Nicole Minetti il prossimo martedì primo febbraio.
I nuovi dettagli dell'inchiesta riguardano alcune foto che sono state ritrovate sui pc sequestrati alle "ragazze di Arcore" durante le perquisizioni dello scorso 14 gennaio. Foto che, assicura chi ha potuto sapere qualcosa di più dalle voci di corridoio, non faranno altro che dare ulteriore conferma di ciò che praticamente tutti sanno già. E in attesa della chiacchierata che Minetti farà con i giudici nei prossimi giorni, nei verbali d'inchiesta si possono già leggere ulteriori dettagli imbarazzanti per il premier: a quanto pare, infatti, l'indagine ha scoperto anche che, la prostituta brasiliana Michelle Coinceicao Oliveira, ha telefonato direttamente Berlusconi almeno due volte, inviandogli anche alcuni sms.
Tuttavia, in questo caso, sembra difficile riuscire a provare l'ipotesi di sfruttamento della prostituzione, dato che il Cavaliere al massimo potrebbe essere inquadrato come "utilizzatore finale".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©