Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

"Ha subito uno choc emotivo violento"

Caso Scazzi: difensore Misseri, "Assolvetelo era confuso"


Caso Scazzi: difensore Misseri, 'Assolvetelo era confuso'
12/03/2013, 17:25

TARANTO - Michele Misseri “ha subito uno choc emotivo particolarmente violento” per il fatto “di essersi autoaccusato di un delitto così grave e questo ha determinato in lui una confusione e un caos mentale che hanno profondamente inciso su di lui e quindi sul processo”. Lo ha sostenuto l'avv. Luca La Tanza, legale di ufficio di Michele Misseri, chiedendo, nell'ambito del processo per l'omicidio di Sarah Scazzi, l’assoluzione del suo assistito dall'accusa di concorso in soppressione di cadavere. In subordine, il difensore di Michele Misseri ha chiesto per il suo assistito la riqualificazione del reato in occultamento di cadavere. I pubblici ministeri la settimana scorsa hanno chiesto per il contadino di Avetrana la condanna a nove anni di reclusione.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©