Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Concetta: "Si può uccidere per gelosia?"

Caso Scazzi, l'avvocato: "Cosima è tranquilla in carcere"


Caso Scazzi, l'avvocato: 'Cosima è tranquilla in carcere'
28/05/2011, 15:05

L'arresto di Cosima Serrano, zia della piccola Sarah Scazzi, sembrava atteso tra gli abitanti di Avetrana che, a loro dire, avevano avuto dei dubbi sulla donna dall'inizio della vicenda. Ma a restare sbigottita, ancora una volta, è Concetta Serrano, madre di Sarah e sorella di Cosima. "Ma che gente è, ma come hanno potuto, ma cos'hanno dentro?" - dichiara la donna in un'intervista a "Il Messaggero" - "Era una bimba, era debole, non era in grado di difendersi. Io sapevo bene che Sabrina e Cosima sono due persone gelose, invidiose, di tutti, non solo di noi. Ma come potevo immaginare? Hanno agito come belve!".

"Io devo capire, io non riesco a spiegarmelo" - si sfoga Concetta Serrano - "Si tratta di gelosia? Ma può bastare la gelosia per uccidere una bimba? Ma com'è possibile? Sembravano persone normali. Cosa può averli trasformati in assassini? Credo che le ragioni siano tante. La principale è una: è gente senza Dio".

"Non ho mai creduto" - ribadisce Concetta - "che Michele fosse un pedofilo e un assassino. Mio cognato non è stato altro che uno schiavo, sin dall'inizio, in quella casa. Stava lì solo per obbedire. Ma ora vorrei chiedergli: che uomo sei? Perché non l'hai aiutata? Perché non l'hai salvata? E come hai potuto gettare il corpo di una bimba dentro un pozzo?".

E alla domanda riguardo il perdono degli assassini di sua figlia, ha detto: "Solo Dio può perdonare, perché legge nell'anima, comprende se c'è pentimento o no. Io non vedo nessun pentimento. L'ho ascoltata in televisione, Cosima: era fredda, non ha pronunciato nessuna parola di rimpianto per quella bambina. Si preoccupava. Io non posso perdonare, non spetta a me. Il perdono arriverà solo con il governo di Dio, quando saranno cacciati tutti i malvagi dalla Terra. Quel giorno tornerà anche Sarah".

Intanto, l'avvocato di Cosima, Franco De Jaco, è stato questa mattina in carcere per parlare con la sua cliente. ''Ho trovato Cosima abbastanza tranquilla ed assolutamente serena sulle sue responsabilità" - ha dichiarato l'avvocato all'Adnkronos - "In altri termini mi ha confermato che quello che viene interpretato a suo carico non è plausibile''.

Commenta Stampa
di Luana Rescigno
Riproduzione riservata ©