Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Casoria, summit di pregiudicati interrotto dai carabinieri


Casoria, summit di pregiudicati interrotto dai carabinieri
31/01/2012, 14:01

Nella tarda serata di ieri, ad arpino di casoria, i carabinieri della locale compagnia, dopo aver ricevuto una telefonata anonima, hanno fatto irruzione in un magazzino di una ditta che commercia all’ingrosso capi d’abbigliamento. nel deposito i militari dell’arma, oltre al titolare 38enne già noto alle forze dell'ordine, hanno sorpreso e bloccato ben 12 pregiudicati, che sono stati tutti identificati. 10 sono ritenuti affiliati o contigui ai clan camorristici dei “licciardi” e dei “contini”, operanti in varie zone del capoluogo campano e dell’hinterland a nord di napoli. ai militari dell’arma hanno dichiarato di essere andati nel deposito singolarmente per fare compere (ma erano abbigliati con capi di vestiario molto costosi, che non sono in vendita nel posto). davanti al magazzino c’erano un’auto di grossa cilindrata e molte auto nuove (appena acquistate) con le quali erano giunti sul posto. all’interno del magazzino, pieno di scatoloni contenenti abbigliamento, alcuni monitor che riportavano immagini riprese da telecamere installate lungo le vie d’accesso e nell’ufficio del titolare 2 grandi tavoli e un divano, oltre a una grossa cassaforte a muro. sul posto sono stati fatti intervenire i carabinieri del nucleo cinofili di napoli per supporto nella ricerca di armi o droga ma non e’ stato trovato nulla di rilevante. mentre continuano le indagini per cercare di capire se la riunione fosse stata indetta per parlare oppure organizzare i traffici illeciti gestiti dalla locale criminalità organizzata, i militari dell’arma hanno segnalato il fatto alla magistratura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©