Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Anche quando si usa un nickname al posto del nome proprio

Cassazione: è illecito spacciarsi per un'altra persona su Internet


Cassazione: è illecito spacciarsi per un'altra persona su Internet
29/04/2013, 20:25

ROMA - Anche il nickname, oltre al nome e cognome vero, è tutelato dalla legge: lo ribadisce la Corte di Cassazione, respingendo un ricorso relativo ad una condanna per sostituzione di persona. La vicenda riguarda una causa civile, dove una donna ha pubblicato il numero di telefono della sua ex datrice di lavoro, usando i suoi dati anagrafici. Fatto sta che dopo un po' quest'ultima ha cominciato a ricevere video e immagini pornografiche sul suo cellulare, nonchè telefonate e SMS da parte di persone interessate ad incontri sessuali. Per questo la dipendente era stata condannata per sostituzione di persona, portando poi il processo in Cassazione. 
Che ha confermato la condanna, spiegando che "non può non rilevarsi al riguardo che il reato di sostituzione di persona ricorre non solo quando si sostituisce illegittimamente la propria all'altrui persona, ma anche quando si attribuisce ad altri un falso nome o un falso stato ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici, dovendosi intendere per 'nome' non solo il nome di battesimo ma anche tutti i contrassegni di identità". E continua: "Tra questi contrassegni vanno ricompresi quelli, come i cosiddetti nicknames(soprannomi) utilizzati nelle comunicazioni via internet che attribuiscono una identità sicuramente virtuale, in quanto destinata a valere nello spazio telematico del web, la quale tuttavia non per questo è priva di una dimensione concreta, non essendo revocabile in dubbio che proprio attraverso di essi possono avvenire comunicazioni in rete idonee a produrre effetti reali nella sfera giuridica altrui, cioè di coloro ai quali il 'nickname' è attribuito". Naturalmente, perchè sia valido il reato di sostituzione di persona, la correlazione tra nome (o nickname) e individuo deve essere certa ed univoca. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©