Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CASSAZIONE: 7 MESI AL GUIDATORE CHE "SCROCCAVA" IL TELEPASS


CASSAZIONE: 7 MESI AL GUIDATORE CHE 'SCROCCAVA' IL TELEPASS
10/09/2008, 11:09

Il signor Pietro B. aveva trovato un modo interessante per evitare di pagare il pedaggio autostradale: si infilava dietro le macchine che imboccavano la corsia del Telepass, rimanendo loro incollato e riuscendo a passare prima che la sbarra si chiudesse. Ma il giochetto non poteva durare per sempre e così l'uomo è stato fermato, processato e condannato per truffa aggravata e continuata, sia in primo che in secondo grado. Così ha fatto ricorso alla Cassazione, la quale però ha dato ragione ai giudici di merito. Il legale dell'imputato aveva asserito che le sentenze precedenti non avevano tenuto conto dell'attenuante della speciale tenuità del danno (attenuante che comporta la riduzione della pena fino ad un terzo, ndr) e che non era provato che fosse lui il colpevole delle infrazioni. Ma gli "ermellini" hanno respinto le eccezioni, sostenendo che i giudici di merito hanno considerato tutte le prove nel giudicare e che resta il fatto che nei registri è segnalata l'entrata dell'automobile in autostrada, ma non la sua uscita. Di conseguenza resta confermata la condanna a 7 mesi di reclusione, con pena sospesa, e 400 euro di multa; più un migliaio di euro di risarcimento per le Società Autostrade per i danni, più le spese dell'avvocato della Parte Civile, oltre che quelle per il proprio.

Ho l'impressione che sarebbe stato più economico pagare i pedaggi man mano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©