Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Il governo e l'Inps fanno a scaricabarile

Cassazione: a rischio le pensioni di invalidità civile


Cassazione: a rischio le pensioni di invalidità civile
11/02/2013, 15:45

ROMA - La Corte di Cassazione oggi dovrà decidere su una questione che rischia di essere letale per migliaia e migliaia di persone, soprattutto donne sposate. In pratica, secondo la legge si può avere la pensione di invalidità solo se il reddito è inferiore a 16.500 euro l'anno; mentre per l'assegno di invalidità bisogna scendere sotto i 4650 euro l'anno. Due limiti veramente molto bassi, che sono riferiti al reddito personale di chi chiede l'assistenza. Ma, a seguito dell'insistenza dei legali dell'Inps, una causa è arrivata ion Corte di Cassazione su un quesito fodnamentale: la cifra vale per il richiedente o per il nucleo familiare? Perchè la legge si esprime in maniera ambigua, sul punto. 
Il problema è che, se venisse accettato il principio che il reddito deve essere coniugale, quanti potrebbero avere questi soldi? Parliamo chiaramente: con 16 mila euro l'anno, due persone fanno fatica a vivere; ma vivere con 4650 euro l'anno è semplicemente impossibile. Questo significa la cancellazione di migliaia di assegni e di pensioni di invalidità. E, di solito, il coniuge debole che verrebbe colpito è la donna. 
Certo, la cosa si poteva risolvere molto rapidamente, con un intervento dell'Inps o del Ministero: una semplice circolare avrebbe chiuso tutto. Ma l'Inps, dopo aver creato il problema, scarica sul Ministero del Welfare le responsabilità; E il Ministero rimanda all'Inps. In mezzo, migliaia di persone che rischiano di rimetterci anche la camicia

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©