Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Asserzione ottenuta repingendo la querela di Fiore

Cassazione: Forza Nuova può essere considerata neonazista


Cassazione: Forza Nuova può essere considerata neonazista
21/05/2010, 16:05

ROMA - Punto fermo stabilito dalla Cassazione a proposito del movimento politico Forza Nuova: non è offensivo o diffamatorio chiamarlo nazifascista o neonazista. Tutto nasce da un episodio del 2000, quando un signore triestino protestò per una manifestazione del partito di estrema destra, fatta a Trieste, mandando alcune pesanti lettere al quotidiano locale "Il Piccolo", nelle quali definiva nazifascista e neonazista il partito Forza Nuova.
A seguito di ciò, Roberto Fiore, segretario nazionale del partito, presentò querela, sostenendo che il termine "neonazista", "lungi dal costruire una qualifica ideologica esprimevano in realtà una squalifica morale e politica di coloro nei confronti dei quali erano state lanciate per l’evidente connessione tra il movimento nazista e la spietata politica di persecuzione razziale". Inoltre si chiedeva che "fosse rispettata la verità storica secondo cui una cosa fu il fascismo altro il nazismo ed il nazifascismo era stato un’alleanza militare".
La Corte d'Appello di Trieste aveva condannato il cittadino triestino, ma la Corte di Cassazione non ha condiviso la querela, stabilendo che si è trattato del normale esercizio di critica e di esercizio dell'articolo 21 della Costituzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©