Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Importante punto fermo a favore della libertà di espressione

Cassazione: i blog non sono "stampa", non devono registrarsi


Cassazione: i blog non sono 'stampa', non devono registrarsi
11/05/2012, 11:05

ROMA - I blog non sono equiparabili a testate giornalistiche e quindi non vanno registrati al Tribunale; nè possono essere considerati "stampa clandestina" se non lo fanno. A dirlo è la Corte di Cassazione, che interviene su un punto delicatissimo, che mette in pericolo la libertà di espressione nel nostro Paese.
Tutto è nato nel 2008 quando Carlo Ruta, giornalista siciliano, venne condannato dal Tribunale di Modica anche per stampa clandestina, dopo un processo per diffamazione intentatogli da un magistrato che si era sentito offeso dalle dichiarazioni pubblicate su un blog, Accade in Sicilia, gestito dallo stesso Ruta. Una sentenza che la Corte di Cassazioneha annullato, sostenendo che un blog non è una testata giornalistica, neanche quando è tenuto da un giornalista.
L'importanza di questa sentenza sta nell'attuale momento storico: sono diversi anni che il governo italiano (e non solo lui) sta cercando di mettere la museruola ai blogger con diverse leggi che finora, per fortuna, non sono state ancora approvate. Ma se non altro adesso è stato stabilito un tracciato all'interno del quale muoversi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©