Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cassazione: l'impiegato può palpeggiare le colleghe, se è un fatto abituale


Cassazione: l'impiegato può palpeggiare le colleghe, se è un fatto abituale
24/07/2009, 16:07

Sentenza sbalorditiva della Corte di Cassazione: un impiegato non commette violenza sessuale, toccando le colleghe, se la cosa viene fatta abitualmente e se viene fatta senza accendere quella che viene definita "ebrezza sessuale". La Suprema Corte si è espressa così respingendo il ricorso della Procura Generale di Bologna, avversa all'assoluzione in secondo grado dell'impiegato, che in primo grado era stato condannato invece dal Tribunale di Ferrara.
La Cassazione ha respinto il ricorso sulla base del fatto che la stessa vittima ha ammesso che l'uomo faceva spesso queste "toccate", per cui il suo comportamento è definibile come "di cattivo gusto", "di certo poco raffinato", ma che non costituisce reato, essendo caratterizzato dall'abitualità ed essendo privo di "ebbrezza sessuale".
La sentenza magari sarà giuridicamente giusta, ma io vorrei vedere, se fosse capitato ad un loro figlia di ricevere certe "attenzioni", se si sarebbero espressi così.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©