Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pubblicate le motivazioni della sentenza di prescrizione

Cassazione: "Mills agì per favorire Berlusconi"


Cassazione: 'Mills agì per favorire Berlusconi'
21/04/2010, 13:04

ROMA - David Mills fu reticente perchè attribuì le responsabilità genericamente alla società Fininvest, mentre sapeva benissimo che tali responsabilità erano riferite al solo Silvio Berlusconi. Questo il fulcro delle motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione che lo scorso 25 febbraio ha dichiarato prescritto - e non assolto, perchè c'erano le prove della sua colpevolezza - David Mills, l'avvocato inglese del Presidente del Consiglio.
Nella sentenza si specifica che David Mills mentì sia nel processo All Iberian che nel processo Arces, in entrambi i casi per tenere la figura di Berlusconi lontano dalle responsabilità penali relative ai reati contestati (infatti in entrambi i casi lui fu assolto, grazie a queste dichiarazioni false, perchè non c'erano altre testimonianze interne che dicessero il contrario, ndr) di evasione fiscale e di elusione della direttiva anticoncentrazione, cosa che gli permise - sempre secondo la Cassazione - di accumulare molti profitti in maniera illecita, che in parte furono distribuiti ai figli Marina e Piersilvio.
Inoltre c'è un'altra cosa che non è dichiarata esplicitamente, ma che si desume dalla stessa sentenza. La Cassazione ha considerato come compiuto il reato di corruzione del testimone nel momento in cui le parti si sono accordate, ritenendo superfluo, ai fini del perfezionamento del reato, aspettare che venisse materialmente pagato il prezzo. Può sembrare un dettaglio, ma in realtà è un precedente importante, che potrebbe modificare ed alleggerire le indagini dei Pubblici Ministeri per questi reati.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©