Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cassiera malmenata e derubata, malvivente arrestato da finanziere libero dal servizio


Cassiera malmenata e derubata, malvivente arrestato da finanziere libero dal servizio
03/11/2010, 13:11


NOLA (Na) - E’ successo tutto nel pomeriggio di ieri: in un negozio di un noto centro commerciale del nolano un ragazzo si inserisce nella fila dei clienti in fila alla cassa per pagare. All’apparenza sembra attendere il suo turno ma il suo atteggiamento tradiva un’eccessiva circospezione per un semplice cliente in attesa, troppo attento com’era a ciò che succedeva intorno e, soprattutto, alle manovre di routine della giovane cassiera che gli era di fronte ad ogni pagamento delle persone in fila. Un militare della Tenenza di Baiano, libero dal servizio, si trovava però causalmente e con la moglie e la giovane figlioletta proprio all’interno del medesimo negozio e, accortosi dell’atteggiamento guardingo del ragazzo, cominciava ad osservarlo da lontano senza farsi accorgere, pronto ad intervenire.
E’ stato un attimo: nel momento stesso in cui il cliente immediatamente prima era al pagamento, approfittando del cassetto del registratore di cassa aperto per l’incasso, il ragazzo con un balzo felino si portava in corrispondenza della cassa, strattonava la giovane commessa e, dopo aver spintonato e fatto cadere in terra la cassiera, rapidamente infilava le mani ed arraffava il contante.
Il finanziere, che nel frattempo si era portato proprio verso la cassa facendo contestualmente allontanare moglie e figlioletta, interveniva prontamente: il ladro lasciava il denaro in terra contante e, divincolatosi, si dava ad una precipitosa fuga a piedi ... seguito dal finanziere in un rocambolesco inseguimento tra le numerose persone che affollavano i corridoi del centro commerciale. In breve il militare riusciva a bloccare il giovane buttandosi letteralmente su di lui e con lui rovinando a terra tra la gente sorpresa. Per procedere all’arresto in flagranza del ragazzo, il finanziere entrava in contatto con la Sala Operativa delle Fiamme Gialle che, in breve, faceva convergere sul posto due pattuglie della Guardia di Finanza di Baiano, in servizio di perlustrazione proprio nella limitrofa circoscrizione di servizio.
Anche il Comandante del Reparto, maresciallo aiutante Marcello Daniele, decideva di recarsi sul posto per coordinare l’operazione e sincerarsi nel contempo delle condizioni del suo dipendente.
Mentre la cassiera era accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Nola per verificare gli esiti della caduta, il giovane rapinatore veniva portato presso la Tenenza di Baiano per le formalità di rito. Il ragazzo era compiutamente identificato per tale G.C. (di anni 35), cittadino georgiano già oggetto di ricerche in quanto, a seguito di furti in centri commerciali pugliesi, risultava destinatario di un provvedimento di espulsione definitiva dal territorio italiano (articolo 14 della legge nr. 94/2009) emesso dalla Prefettura di Bari nel gennaio del corrente anno.
Informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, competente per territorio, le Fiamme Gialle dichiaravano il georgiano in stato d’arresto per furto, in flagranza di reato (articolo 624 del codice penale) e, dopo avergli altresì contestata l’inosservanza della normativa vigente in tema d’immigrazione, lo associavano alla Casa Circondariale di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©