Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Castellabate, il sindaco Maurano chiede un collegamento di bus con la


Castellabate, il sindaco Maurano chiede un collegamento di bus con la
22/10/2009, 10:10


Collegamenti pubblici carenti tra la stazione ferroviaria di Agropoli-Castellabate e il territorio comunale di Castellabate, il sindaco Costabile Maurano chiede alla Provincia di Salerno di attivare un collegamento almeno in coincidenza con l'arrivo e la partenza dei principali treni.
Nei giorni scorsi il primo cittadino ha preso carta e penna e scritto al presidente Edmondo Cirielli, all'assessore provinciali ai trasporti Ernesto Sica, al responsabile dell'ufficio Tpl della Provincia e, per conoscenza, al direttore generale del Cstp di Salerno proprio per sollecitare una soluzione dell'annoso problema. Ne sanno qualcosa i pendolari e i turisti che, arrivati allo scalo di Agropoli-Castellabate, sono costretti a utilizzare le proprie auto per raggiungere Castellabate o a fare ricorso ai taxi a costi molto elevati. L'alternativa è raggiungere la fermata dei bus più vicina, che dalla stazione dista quasi un chilometro. Di qui la richiesta del sindaco di prevedere l'inserimento, nell'ambito delle linee esistenti, del collegamento tra la stazione Fs e il territorio comunale di Castellabate, soprattutto in coincidenza dell'arrivo e della partenza dei principali treni. «Tale esigenza è molto avvertita sia dai turisti che dai residenti, studenti e pendolari, che utilizzano ogni giorno la linea ferroviaria e devono spostarsi tra la suddetta stazione Fs e diverse località della costa cilentano - spiega il primo cittadino Costabile Maurano - L'assenza di un servizio di trasporto pubblico tra tale nodo cruciale della viabilità su ferro e il territorio di questo Comune costituisce, invero, un grave disservizio per la collettività locale e ha potenziali ripercussioni negative anche sull'economia turistica». A rilevare quest'ultimo dato è stata anche la rivista "Bell'Italia" nell'ampio servizio dedicato a questo Comune nel numero di giugno 2009.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©