Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’autore delle mail intimidatorie è un operaio in mibilità

Castellammare: minacce al sindaco Bobbio, denunciato 29enne


.

Castellammare: minacce al sindaco Bobbio, denunciato 29enne
01/07/2010, 16:07

CASTELLAMMARE DI STABIA – Svolta nelle indagini sulle minacce, arrivate via mail nelle scorse settimane, al sindaco di Castellammare, Luigi Bobbio.
Le forze dell’ordine sono riuscite a risalire all’autore delle due missive intimidatorie inviate al primo cittadino stabiese. Si tratta di Agostino Pocobelli, 29enne incensurato, operaio Avis, da due anni in mobilità forzata dopo la chiusura dello stabilimento di via Napoli. Sarebbe stata proprio la sua difficile situazione economica, a spingerlo ad inviare le mail dal contenuto decisamente inquietante, nelle quali il sindaco Bobbio veniva accostato al consigliere comunale Tommasino ucciso dalla camorra e a Paolo Borsellino, magistrato siciliano, assassinato nella strage di via D’Amelio.
Nelle mail, inviate a distanza di cinque giorni l’una dall’altra sulla casella di posta elettronica ministeriale dell’ex magistrato della Dda, l’operaio, in un italiano incerto, in qualche modo aveva fatto percepire il suo disagio chiedendo soldi e una sistemazione.
Gli inquirenti, tuttavia, puntarono l’attenzione principalmente sulle minacce contenute negli scritti, leggendole come un avvertimento della criminalità organizzata nei confronti del neo sindaco eletto a fine marzo. Ma che oggi possono essere viste come lo specchio della grave situazione economica che sta attraversando la città di Castellammare, tra tensione sociale e lo spettro della disoccupazione.
“Ero esasperato. La mia condizione è colpa delle istituzioni che non fanno nulla per noi operai”. Queste le parole di giustificazione del 29enne agli agenti di polizia che, ieri, hanno bussato alla sua porta con un mandato di perquisizione.
Al momento il giovane è stato denunciato e dovrà rispondere delle accuse di minacce aggravate

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©