Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il 45enne e la sua famiglia, scomparsi da diversi giorni

Castellammare, tabaccaio fugge con l’incasso di 400mila euro


.

Castellammare, tabaccaio fugge con l’incasso di 400mila euro
18/06/2010, 16:06

CASTELLAMMARE – E’ fuggito con l’incasso delle giocate del lotto, della vendita dei gratta e vinci e delle sigarette.
Si tratta di un tabaccaio di 45 anni di castellammare che gestiva una rivendita di sali e tabacchi in via De Gasperi. Dell’uomo e della sua famiglia non si hanno più notizie dallo scorso lunedì; insieme a loro sono scomparsi oltre 400mila euro, proventi dell’attività commerciale gestita dall’uomo. Sul caso stanno indagando gli agenti del locale commissariato di polizia, coordinati dal primo dirigente Luigi Petrillo e dal vicequestore Stefania Grasso che hanno avviato le ricerche dopo la denuncia dei titolari della tabaccheria che da qualche giorno non avevano più notizie dell’uomo.
Una persona descritta come seria e tranquilla; sposato e con due figli piccoli. Proprio per questo la sua fuga ha lasciato sorpresi tutti quelli che lo conoscevano.
Eppure del 45nne e della sua famiglia non c’è più traccia da giorni. La loro casa è completamente vuota; vestiti, mobili ed effetti personali, tutto è stato portato via.
Lunedì scorso, la saracinesca del negozio di via De Gasperi, era rimasta stranamente chiusa, senza nemmeno un biglietto che ne spiegasse il motivo alla clientela.
Da qui l’inizio delle ricerche e la scoperta che, insieme alla famiglia, era sparito anche l’incasso dell’ultima settimana. Le giocate del lotto e del superenalotto; i soldi della vendita delle schede telefoniche e dei gratta e vinci oltre a quelli delle sigarette. Ancora non è stata stabilita la cifra precisa ma l’ammontare del furto sarebbe vicino ai 500mila euro.
Un colpo studiato nei minimi dettagli: il tabaccaio, infatti, ha continuato a lavorare normalmente fino a domenica.
Ma quando ha chiuso il negozio, ha portato con sé tutto il denaro incassato che avrebbe dovuto depositare il giorno dopo ai monopoli di Stato. A quel punto, è scattata la fuga. Alla base del gesto, probabilmente una serie di problemi economici che pare l’uomo vivesse in questo periodo.
Le ricerche, al momento, si stanno concentrando su parenti ed amici, qualcuno, insomma che abbia potuto aiutarlo nella fuga

 

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©