Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Insieme a lui anche il fratello Angelo ed altre persone

Catania: la Procura chiede l'arresto del governatore Lombardo


Catania: la Procura chiede l'arresto del governatore Lombardo
12/05/2010, 09:05

CATANIA - Dopo le tante smentite che piovvero quando due mesi fa si cominciò a parlare di una indagine per concorso esterno in associazione mafiosa per il Presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, e per un'altra settantina di persone, adesso abbiamo la conferma che quell'indagine c'era veramente. E la conferma arriva attraverso una richiesta, avanzata dalla Procura di Catania al Gip di procedere all'arresto di Lombardo, del fratello Angelo, dei consiglieri regionali Fausto Fagone dell'Udc e Giovanni Cristaudo del Pdl, e del sindaco di Palagonia, Francesco Calanducci, esponente del Movimento per le Autonomie. Se la richiesta dovesse essere accolta, l'unico che potrebbe scampare all'arresto immediato è Angelo Lombardo, deputato; tutti gli altri, infatti, non godono di alcun tipo di immunità.
Secondo la Procura, la richiesta di arresto cautelare è motivata dal fatto che, da quando si era diffusa la notizia delle indagini su Lombardo, molti degli indagati stavano agendo per crearsi delle pezze giustificative a fronte delle domande possibili dei magistrati e della polizia giudiziaria.
Le indagini finora hanno accertato possibili contatti tra le persone indagate - in particolare di Angelo Lombardo - con persone del clan dei Santapaola, ottenendone massicce raccolte di voti alle varie elezioni; inoltre sono sotto controllo una serie di attività che potrebbero essere raccomandazioni e favori dati alla cosca in cambio dei suddetti voti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©