Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Catania: muore durante agguato reggente clan cursoti


Catania: muore durante agguato reggente clan cursoti
28/09/2009, 11:09

Oltre dieci colpi di pistola di grosso calibro che lo hanno crivellato. E' stato ucciso come un boss Francesco Palermo, 46 anni, che gli investigatori indicano come un esponente di spicco della cosca dei Cursoti, assassinato a Catania nella centrale via Caronda. E il delitto potrebbe essere collegato a un omicidio 'eccellente': quello di Nicola Lo Faro, 45 anni, cognato del boss ergastolano Giuseppe Garozzo, ucciso in un agguato di mafia il 4 maggio scorso.

Secondo fonti giudiziarie qualificate, Palermo potrebbe sarebbe stato il 'successore' di Lo Faro alla guida del clan dei Cursori, svolgendo il ruolo di 'reggente'. L'ipotesi privilegiata è che l"omicidio possa essere da inquadrare nell' ambito di una faida tra cosche rivali a Catania. L'agguato della notte scorsa, che nelle modalità si rivela di chiaro stampo mafioso, è avvenuto vicino a una sala Bingo dove l'uomo era andato a prendere la moglie e la figlia minorenne, che non erano in auto con lui quando è avvenuta la sparatoria, contrariamente a quanto si era appreso da fonti investigative in un primo momento. Palermo aveva posteggiato in seconda fila la sua Bmw di grossa cilindrata e stava per scendere quando i sicari sono entrati in azione sparando: la violenza dei colpi lo ha devastato e ucciso sul colpo.

La stessa tecnica era stata adoperata per eliminare Lo Faro, marito della sorella del boss Garozzo: era in via Cardì, nel rione Nesima di Catania, alla guida in una Mercedes classe A quando due sicari su una moto di grossa cilindrata l'hanno affiancato sparando una decina di colpi di pistola. Sull'uccisione di Francesco Palermo indaga la squadra mobile della Questura di Catania, coordinata dal sostituto procuratore Francesco Testa della Direzione distrettuale antimafia etnea.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©