Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

150 agenti della Polizia di Stato in campo in queste ore

Catturata banda rapinatori "giostrai", in manette 13 persone

L'operazione è in corso tra il Veneto e la Toscana

Catturata banda rapinatori 'giostrai', in manette 13 persone
28/12/2011, 11:12

VENEZIA - Si sta tenendo una vasta operazione della Squadra Mobile della Questura di Venezia tra Veneto e Toscana contro una banda di pericolosi rapinatori, formata dai cosiddetti "giostrai", responsabile di assalti a gioiellerie e banche del centro-nord Italia. Sono tredici le ordinanze che 150 agenti della Polizia di Stato stanno eseguendo nelle due regioni su disposizione della magistratura lagunare. L'indagine è iniziata in estate, l'11 agosto 2010, dopo che due malviventi nel primo pomeriggio entrarono nella gioielleria "Pendini" di Jesolo, rapinando orologi Rolex e gioielli per un valore di circa mezzo milione di euro dopo aver pestato violentemente il titolare, riducendolo in gravi condizioni. Vista l'efferatezza, le modalità ed il tipo di obiettivo colpito, le indagini sono state indirizzate ai "giostrai veneti" noti per la loro violenza negli assalti a esercizi commerciali ed istituti di credito. Dagli accertamenti svolti sulle due moto di grossa cilindrata usate per la fuga dai banditi, la polizia ha accentrato l'attenzione su due giovani giostrai in contatto con una famiglia storica di rapinatori residenti nella provincia di Venezia. E' così emersa l'esistenza di una vasta e articolata associazione per delinquere operante nel Nord Italia che, facendo affidamento su basisti, anch'essi giostrai, andavano a segno a colpo sicuro.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©