Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I Carabinieri pongono fine alla fuga dell'ergastolano

Catturato Domenicò Cutrì

Dalla Cancellieri arrivano i complimenti per la cattura

Catturato Domenicò Cutrì
09/02/2014, 10:54

MILANO - Durante la notte i Carabinieri hanno posto fine all'evasione di Domenico Cutrì, l'ergastolano fuggito dal tribunale di Gallarate. Cutrì è stato sorpreso nel sonno dalle teste di cuoio dei carabinieri del Gis (Gruppo intervento speciale). Si trovava in compagnia di un uomo ed in possesso di una 375 magnum con il proiettile in canna che non è stato in grado di usarla all'arrivo dei militari. Il covo è stato individuato grazie ad una azione conguinta dei carabinieri di Varese, Milano e del Ros (Raggruppamento operativo speciale): sarebbe stato catturato non distante da Inveruno, nell'Alto milanese, dove risiede la sua famiglia.

Domenico Cutrì, 32 anni, era stato condannato in appello all'ergastolo come mandante dell'omicidio di un polacco che aveva insidiato la sua fidanzata. Era evaso lunedì scorso, intorno alle 15, quando un gruppo armato era entrato in azione davanti al tribunale di Gallarate dove l'ergastolano doveva sostenere un processo per truffa.

Nella mattinata il Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri ha telefonato al comandante dell'Arma dei Carabinieri, generale Leonardo Gallitelli, per complimentarsi per la cattura di Domenico Cutri', l'ergastolano fuggito lunedi' scorso durante il trasferimento al tribunale di Gallarate. "Il Ministro - dice una nota - ha ringraziato tutte le Forze di Polizia e la Magistratura per collaborazione che ha portato alla rapida conclusione della fuga e anche alla cattura dei complici. Con l'occasione il Guardasigilli ha voluto ribadire il suo "grazie" agli uomini della Polizia Penitenziaria per il lavoro delicato e pericoloso che quotidianamente svolgono". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©