Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cava de' Tirreni. Minaccia i fratelli dell'ex con una pistola


Cava de' Tirreni. Minaccia i fratelli dell'ex con una pistola
10/09/2012, 12:27

Prima un inseguimento con tanto di tamponamento lungo la statale 18 e poi le minacce: con una pistola puntata contro i fratelli della sua ex convivente che avevano osteggiato fin dall'inizio la loro relazione amorosa. Minaccia a mano armata e porto abusivo di arma: sono queste le accuse per il 44enne cavese proprietario in città di un autolavaggio. L'uomo è stato arrestato nella serata di venerdì dai carabinieri della Tenenza locale in esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare, agli arresti domiciliari, emessa dal gip di Salerno. Secondo quanto accertato dai militari, diretti dal tenente Vincenzo Tatarella, nella notte tra il 2 e il3 inlocalità Starza a Santa Lucia, il commerciante a bordo della sua Golf avrebbe inseguito l'auto sui cui viaggiavano i fratelli della sua ex convivente per poi restringergli la strada con una serie di sorpassi fino a tamponarli e minacciarli con una pistola. A più di un mese dai fatti l'uomo è stato arrestato ed è ora agli arresti domiciliari. I militari hanno perquisito il suo appartamento alla ricerca dell'arma, che non è stata sin qui ritrovata. Un finale violento per una lunga storia di conflitti familiari. Tutto inizia quando il commerciante, già divorziato, conosce la donna che poi diventerà la sua nuova compagna. La loro storia non viene vista di buon occhio dai fratelli di lei fin ad arrivare a diversi episodi di scontri: minacce verbali. La relazione termina nel 2007, quando la donna decide di trasferirsi e lasciare la città, ma i dissapori restano tanto da provocare a distanza di anni nuove violenze. Il commerciante, difeso dall'avvocato Alfonso Senatore, ha presentato una querela contro i fratelli della sua ex conviventi, colpevoli (a suo dire) di diversi episodi di aggressione e furto ai suoi danni e di aver provocato l'incidente culminato secondo gli inquirenti con le minacce a mano armata. Ora si attende l'udienza di convalida che dovrebbe tenersi nella giornata al tribunale di Salerno.

Commenta Stampa
di Rocco Papa
Riproduzione riservata ©