Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'incremento di popolazione dovuto agli stranieri

Censimento Istat: siamo 59 milioni, più donne che uomini


Censimento Istat: siamo 59 milioni, più donne che uomini
19/12/2012, 10:43

ROMA - Arrivano i dati del censimento 2011. Sono dati che descrivono una situazione italiana dove la popolazione aumenta (da 57 milioni del 2001 a 59,4 milioni del 2011) ma solo grazie agli extracomunitari, passati da 1,3 milioni a 4 milioni in 10 anni. La popolazione italiana invece nello stesso periodo è diminuita di 250 mila unità. 
L'età media degli stranieri è di poco sopra i 31 anni, con una età media delle donne più alta (32,3 contro 29,7). Gli stranieri sono concentrati al nord: quasi i tre quarti sono in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Bassa invece la percentuale al sud, solo il 13%. 
Resta il primato delle donne: sono 30,6 milioni contro i 28,7 milioni di uomini. Al sud e nelle isole la percentuale è leggermente più favorevole agli uomini, al nord alle donne. 
Ma siamo anche un Paese che invecchia: nel 2001 gli ultra centenari erano 6 mila, nel 2011 sono diventati 15 mila, di cui l'83% donne. 11 di loro hanno raggiunto i 110 anni e due (una a Milano e una a Venezia) nel 2011 hanno festeggiato il 112esimo anno di età, varcando addirittura tre secoli. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©