Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un terzo di loro ha cominciato a lavorare in nero

Censis: gli extracomunitari? 3 su 4 sono regolari


Censis: gli extracomunitari? 3 su 4 sono regolari
17/06/2010, 11:06

ROMA - Il nuovo rapporto del Censis sugli extracomunitari in Italia smantella la maggior parte dei pregiudizi che la Lega e il governo hanno instillato nei cittadini. Innanzitutto non è vero che sono brutti, cattivi e delinquenti: ben il 77% dei cinque milioni di stranieri che sono in Italia sono regolari. Anche se il 32% dichiara di avere iniziato a lavorare in nero. In che settori lavorano? Servizi (40%) e commercio (22%). Per lo più in strutture turististiche ed alberghiere (16%), come badanti (10%, ma qui le donne raggiungono il 20%), operaio (9%), nell'industria (8%, ma l'11% se consideriamo solo gli uomini) e l'edilizia(8%, il 15% se consideriamo solo gli uomini). Pochi di loro però sono ammessi a lavori "di concetto", come si dice con una espressione arcaica: il 2% fa professioni intellettuali, un altro 2% fa l'operaio specializzato, un po' di meno fa il medico o il paramedico. La metà ha lavori a tempo indeterminato, ma gli stipendi sono più bassi della media: La metà prende tra gli 800 e i 1200 euro al mese; il 31% guadagna meno di 800 euro mentre solo l'1% guadagna più di 2000 euro al mese.
Gli irregolari invece sono solo 560 mila, persone che di solito hanno un titiolo di studio equivalente a quello della popolazione italiana (il 40% è diplomato o laureato contro il 45% degli italiani) e il 32% ha lavoratop in nero (al sud il dato supera il 40%)

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©