Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CENTOLA: DEVASTANO IL BORGO ANTICO, DENUNCIATI TRE RAGAZZI


CENTOLA: DEVASTANO IL BORGO ANTICO, DENUNCIATI TRE RAGAZZI
12/11/2008, 14:11

 

Sarebbero tre studenti di Marina di Camerota i vandali che sono entrati in azione nel borgo medievale di San Severino di Centola. Insegne distrutte, lampioni sradicati, bottiglie di birra rotte vicino ai muri delle case. E poi bidoni della spazzatura capovolti e disegni osceni nei punti più belli del caratteristico borgo disabitato. Gli autori del raid, avvenuto nei giorni scorsi, avrebbero tra i 18 e i 22 anni. A denunciare l’accaduto ai carabinieri della stazione di Centola-Palinuro sono stati un avvocato del posto ed alcuni residenti che hanno indicato agli inquirenti il numero di targa di un’auto parcheggiata nei pressi del borgo durante la notte in cui è avvenuto il danneggiamento. I militari della compagnia di Sapri, diretti dal tenente Gianmarco Pugliese, hanno avviato una serie di indagini per risalire agli autori del reato. L’attivitá investigativa condotta dagli uomini della stazione di Centola, guidati dal comandante Giuseppe Sanzone e dal maresciallo Francesco Carelli, ha consentito l’individuazione dei responsabili del danneggiamento. Il loro nome ora è iscritto nel registro degli indagati del tribunale di Vallo della Lucania. Le indagini sono coordinate direttamente dal procuratore della Repubblica Alfredo Greco. I danni al borgo ammontano ad oltre cinquemila euro. Soddisfazione per l’operato dei carabinieri è stata espressa dal sindaco di Centola, Romano Speranza. «Un plauso particolare - ha detto - va ai militari della stazione di Centola. Quello che mi rattrista, invece, è sapere che ad agire sia stato un gruppo di ragazzi della zona. Propongo a questi giovani di riparare i loro errori non solo con la giustizia, ma anche venendo a fare del volontariato nel borgo di San Severino».

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©