Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Centrali nucleari: solo il 17% le vuole vicino casa


Centrali nucleari: solo il 17% le vuole vicino casa
05/10/2009, 15:10

Un sondaggio fatto dall'ENEL nei giorni scorsi in Italia e presentato ad un convegno in Francia, dimostra quanto scarso sia il supporto all'ipotesi di centrali nucleari in Italia. Infatti, alla domanda se va bene la costruzione di una centrale nucleare, gli italiani favorevoli sono il 40%. Percentuale che crolla al 17% nel caso in cui si parla di costruire una centrale nelle vicinanze della propria abitazione. E a questa domanda, gli indecisi praticamnente spariscono, perchè l'82% dice di no.
Inoltre ben il 52% sceglie la risposta "non lo accetterei e farei di tutto per impedirlo". A dimostrazione che il nucleare è solo una imposizione di questo governo. Mentre invece solo il 33% direbbe di no alla costruzione di un impianto eolico vicino alla propria casa.
Come si vede, è fortissimo il principio del NIMBY (not in my back yard= non nel mio giardino), quando si parla di nucleare; e lo stesso avviene, nei sondaggi pubblicati per inceneritori, centri di accoglienza per immigrati e basi militari. Ma dire: "Costruite pure, ma lontano da qui" è solo ipocrisia.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©