Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Centrali termoelettriche in Liguria, lo sfogo di Ferraioli


Centrali termoelettriche in Liguria, lo sfogo di Ferraioli
12/02/2010, 18:02


ROMA - "Da decenni ormai la Liguria paga a prezzo altissimo le politiche energetiche di Enel, altamente inquinanti. La Spezia, città dove risiedo e dove è situata una delle centrali elettriche liguri, ha purtroppo un'altissima percentuale di malattie polmonari, anche di natura tumorale". L'amara constatazione di Maurizio Ferraioli, responsabile per la Liguria dell'Italia dei Diritti, prende spunto dal dossier "Stop al carbone" reso noto da Legambiente. Analizzando i dati dell'inquinamento prodotto dal carbone nelle centrali termoelettriche, si scopre infatti che la Liguria ospita tre delle dieci strutture più inquinanti d'Italia, a Genova, La Spezia e Vado Ligure.
Nel mirino dell'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro c'è soprattutto l'Enel la quale "continua a propinarci l'idea che il combustibile fossile sia relativamente dannoso, adducendo come motivazione il fatto che si approvvigioni di un tipo di carbone statunitense apparentemente meno inquinante, sul quale però non ci sono dati scientifici di conferma".
Ribadita in maniera ferma la contrarietà ad un ritorno del nucleare, per Ferraioli l'unica via d'uscita sono le energie alternative:" L'Italia deve investire in maniera importante nelle energie rinnovabili per garantire un futuro alle prossime generazioni. Purtroppo finora, forse per colpa di interessi privati, questa volontà è decisamente mancata".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©