Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cerca di rubate in un negozio, ma scoperto si nasconde in un cassonetto: arrestato


Cerca di rubate in un negozio, ma scoperto si nasconde in un cassonetto: arrestato
25/04/2012, 09:04

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Polizia “Vomero”, hanno arrestato un  25enne cittadino georgiano senza fissa dimora, per furto, nonché resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Verso le 19.30, i poliziotti in servizio di prevenzione stavano passando vicino ad un noto esercizio commerciale di Via Luca Giordano, quando la loro attenzione è stata attratta da una guardia giurata che tentava di bloccare il georgiano. Intervenuti immediatamente, i poliziotti hanno fermato il giovane e potuto accertare che aveva appena superato le barriere antitaccheggio del negozio con una speciale borsa schermata. All’interno sono stati infatti rinvenuti due hard-disk ancora sigillati e muniti di sistema antitaccheggio.

Il giovane è stato pertanto arrestato e la merce rubata, del valore di circa 280 euro, restituita ad un responsabile dell’esercizio commerciale.

Condotto presso gli uffici della Polizia Scientifica, l'uomo ha opposto resistenza con tutte le sue forze a qualsiasi tentativo di convincerlo ad essere sottoposto al fotosegnalamento. Ad un certo punto, con uno scatto repentino ed inaspettato, ha aggredito i poliziotti con violenti calci e spintoni, ha aperto la porta ed è scappato via. Subito rincorso dai poliziotti ancora doloranti per le percosse subite, è stato dopo poco rintracciato ben nascosto all’interno di un cassonetto della spazzatura in Piazza Municipio e riportato in ufficio.

I poliziotti sono successivamente ricorsi alla cure dei sanitari per farsi medicare le ferite procurate dalle violente percosse dell’arrestato.

Questa mattina il georgiano è stato quindi foto segnalato, identificato e denunciato per soggiorno illegale sul territorio italiano. Successivamente è stato giudicato con rito direttissimo e condannato ad un anno e 4 mesi di reclusione con il beneficio della sospensione della pena.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©