Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cercola, padre e figlio fermati per l'omicidio di Sannino


Cercola, padre e figlio fermati per l'omicidio di Sannino
27/06/2012, 10:06

I carabinieri della tenenza di cercola con colleghi del nucleo operativo della compagnia poggioreale hanno sottoposto fermo per tentato omicidio un 15enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine e con i colleghi della compagnia Tuscania (VT) hanno sottoposto a fermo del pm per concorso in omicidio, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco P.V. 39 anni, sorvegliato speciale e P.G. 20 anni, padre e figlio, entrambi residenti in via matilde serao e già noti alle forze dell'ordine.

Ieri pomeriggio, in frazione caravita, il 15enne in compagnia di P.G. si è incontrato con G.S. 21 anni e N.M., 23 anni, entrambi del luogo e già noti alle forze dell'ordine e, al culmine di una lite per motivi passionali tra il 15enne e il 23enne (il 15enne ha una relazione sentimentale con la cognata del 23enne) il minore ferisce con un coltello il 23enne che successivamente viene medicato dai sanitari dell’ospedale villa betania per una ferita da arma da punta e taglio al gluteo sinistro e all’avambraccio sinistro, guaribile in 6 giorni. Successivamente, il giovane che intendeva vendicare l’accoltellamento subito, si recava nei pressi dell’abitazione del 16enne e del 43enne, vicini di casa, in compagnia di altre 2 persone del luogo che avevano già assistito alla precedente lite e in presenza anche di P.G., iniziando una accesa discussione, al culmine della quale veniva esploso un colpo di pistola che colpiva ad un fianco il giovane, uccidendolo e che veniva comunque trasportato in auto all’ospedale villa betania da conoscenti, Dove giungeva cadavere. Dopo il fatto padre e figlio si davano alla fuga a bordo di un’auto (probabilmente diretti a Follonica a casa di parenti) ma venivano bloccati a Tarquinia (Vt) dai militari dell’arma della compagnia Tuscania, impegnati in un servizio di controllo alla circolazione stradale. I 2 fermati sono stati associati al carcere di Civitavecchia (Rm) e il minore accompagnato al centro di prima accoglienza per minori sul viale colli aminei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©