Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ancora una norma discriminatoria dei leghisti

Ceresara (MN): il bonus bebè solo ad italiani sposati


Ceresara (MN): il bonus bebè solo ad italiani sposati
04/05/2010, 11:05

CERESARA (MANTOVA) - Ancora una volta una legge discriminatoria approvata in un comune; ed ancora una volta si tratta di un comune ad amministrazione leghista, quello di Ceresara, in provincia di Mantova. Fulcro del dibattito, il rinnovo della legge che assegna il "bonus bebè": 500 euro (prima erano 300) a chi ha un figlio all'interno del territorio comunale. Ma la norma è stata subito connotati da tratti di razzismo e di estremismo cattolico: infatti possono avere i soldi solo gli italiani che hanno il primo figlio e che risiedono nel territorio comunale da almeno 5 anni, se sono sposati. Quindi niente soldi per gli extracomunitari, niente soldi per le ragazze madri, niente per le coppie di fatto.
Il Pd, che in Consiglio Comunale si è opposto all'approvazione della legge, ha annunciato ricorso al Tar per le evidenti incostituzionalità insite nella legge. E' da discriminazioni del genere che poi avvengono fatti come quelli di Adro. Purtroppo la Lega Nord stimola l'inciviltà e l'odio presente nelle persone, e quindi quello che avviene poi non è certo fonte di stupore.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©