Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CHIAIANO: FRANA LA CAVA, LA DENUNCIA DEL COMITATO


CHIAIANO: FRANA LA CAVA, LA DENUNCIA DEL COMITATO
21/01/2009, 16:01

Oggi una delegazione del comitato di Chiaiano e dell'amministrazione di Marano incontra a Bruxelles la commissione europea di Dimas, per consegnare la documentazione sullo scandalo della bomba ecologica a Chiaiano, gli esposti alla Procura ancora senza risposta, le relazioni dei tecnici ecc.
E proprio ieri abbiamo avuto l'ennesima conferma delle nostre ragioni!
Le foto che seguono, scattate ieri pomeriggio, dimostrano sempre più l'assurdità del progetto di discarica nella cava del Poligono, ma anche la fondatezza dei rilievi mossi dai tecnici di parte e l'irresponsabilità del Commissariato!
Infatti come si vede nelle c'è stata l'ennesima frana nella cava, la più ingente di questo periodo! Uno squarcio di almeno 60 metri cubi di terra, solo parzialmente trattenuta dalla rete di protezione. Questo dimostra quello che il prof Ortolani ha sempre sostenuto sulla fragilità delle pareti. E non sappiamo ancora cos'altro sia successo dopo l'altra pioggia di stanotte. Eppure i camion continuano a muoversi per la cava, irresponsabilmente nei confronti della salute dei lavoratori. Addirittura, come notiamo in basso nella foto0, un mezzo meccanico è addirittura fermo sotto la parete parzialmente franata (e quindi si presume tutta a rischio frana!).
Nella foto2 si vede il totale allagamento fangoso intorno al piccolo fazzoletto in cui vorrebbero portare qualche tonnellata di rifiuti per la propaganda di Berlusconi.
Nella foto 3 si può notare come, a parte la collina di amianto (presente in foto0 e sulla quale hanno costruito la piattaforma per la pesa dei camion, a dimostrazione che non bonificheranno mai !!), anche negli altri punti in cui scavano emergono rifiuti speciali. Eppure il commissariato si è  sempre rifiutato di avviare una vera bonifica di tutta l'area.
Nella foto4 si vede un altra situazione di pericolo: un mezzo meccanico giallo (si intravede il cupolino) , che lavora dentro un fosso circondato da colline di materiale riportato e mobile.
 
Cosa sarebbe successo se durante la (non eccezionale) pioggia di questi giorni, ci fossero già state presenti tonnellate di rifiuti !!?
Per questo ci batteremo in tutti i modi affinché questo scempio non si compia
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©