Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Chiede castrazione fisica per raptus omicida


Chiede castrazione fisica per raptus omicida
25/04/2009, 16:04

Un cinquantenne francese, già sottoposto a castrazione chimica, ha chiesto ufficialmente al ministero della Giustizia di essere castrato chirurgicamente. Una soluzione non prevista dalla legge ma che l'uomo ritiene l'unica possibile per prevenire le violenze che potrebbe commettere sulle donne. L'uomo da circa 15 anni assume medicinali che lo rendono inoffensivo dal punto di vista sessuale ma che, a detta sua, non placano le pulsioni violente e omicide che lo assalgono quando vede una donna. Per questi motivi vive da solo, senza televisione nè svaghi, non ha amiche nè colleghe di lavoro. Inoltre l'assunzione di tali farmaci porta a repentini cambi di peso e a sforzi cardiaci non indifferenti. L'uomo, perciò, chiede aiuto alla giustizia.

Rachida Dati, ministra della Giustizia, dichiara che la castrazione fisica è considerata una mutilazione, e quindi è vietata dalla legge. Questa può essere effettuata solo per gravi lesioni agli organi genitali o per esplicita volontà di cambiare sesso. L'uomo, non avendo le possibilità economiche per farsi operare all'estero, ha chiesto al ministero della Giustizia di convocare una commissione di specialisti per valutare ulteriormente la sua richiesta.

Commenta Stampa
di Luana Rescigno
Riproduzione riservata ©