Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Chiedono il pizzo al prete, lui denuncia dall'altare


Chiedono il pizzo al prete, lui denuncia dall'altare
30/11/2009, 12:11


NAPOLI - Una richiesta di pizzo per i lavori di ristrutturazione della chiesa: a denunciarlo, dall'altare è stato don Mario Ziello, parroco di Santa Maria del Carmine alla Concordia, nei Quartieri Spagnoli, nel cuore di Napoli. Secondo quanto racconta oggi il quotidiano Il Mattino, ieri, durante la celebrazione della messa, il parroco ha raccontato ai fedeli quanto accaduto. "Hanno chiesto il pizzo alla mia chiesa, ma io ho detto no - ha riferito don Mario - Ho deciso di rifiutare perché i soldi che servono per il restauro della parrocchia li avete donati voi fedeli. Se avessi pagato quella tangente lo avrei fatto con i soldi vostri. E poi l'ho fatto per i bambini, per loro sarebbe stato un cattivo esempio".
La tangente, in questi giorni, è stata chiesta più volte. I malviventi si sono avvicinati agli operai del cantiere, ad oggi mai al parroco. Sulla vicenda s'indaga per capire se si sia trattato di un tentativo di estorsione messo in atto da criminali o se, dietro tutta questa storia, ci sia la mano della camorra. Intanto don Mario ribadisce in maniera chiara la sua posizione: "Non ho intenzione di collaborare con quei criminali e non pagherò. Chi mi conosce sa che andrò avanti".
La 'tangente di Natale' per sostenere i detenuti e le loro famiglie: ci sarebbe questo dietro la richiesta di pizzo avanzata, secondo quanto denunciato da un parroco di Napoli, agli operai di un cantiere edile che si sta occupando dei lavori di ristrutturazione di una chiesa dei Quartieri Spagnoli. Le indagini, al momento, sono concentrate sia sulla camorra che sulla criminalità 'comune' anche se il pizzo chiesto in concomitanza di feste come Natale, Pasqua e Ferragosto, solitamente rientra nelle modalità di azione dei clan. Stamattina agenti di polizia della squadra mobile si sono recati sul posto per raccogliere elementi utili all'indagine. E' proprio in queste ore che, secondo quanto si è appreso, don Mario Ziello, starebbe presentando denuncia ai carabinieri: il parroco, secondo quanto da lui stesso riferito durante l'omelia ai fedeli, non ha ricevuto in maniera diretta la richiesta di pizzo avanzata, invece, in diverse occasioni agli operai che lavorano alla ristrutturazione della sua chiesa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©