Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Presso L'Onu di Ginevra

Chiesa: no ferrato ai matrimoni gay

No ai diritti ad hoc per omosessuali

Chiesa: no ferrato ai matrimoni gay
09/03/2012, 19:03

CITTA' DEL VATICANO- La Chiesa torna ribadire fermamente il suo no ai matrimoni omosessuali.
I diritti ad hoc per gli omosessuali o per chi ha ''comportamenti sessuali diversi'', cosi' come la teoria del 'gender', ''non portano nella direzione giusta'', ha affermato l'Osservatore permanente della Santa Sede presso l'Onu di Ginevra.
Cercando tuttavia di ribadire l'impegno contro le discriminazioni e le violenze di cui possono essere vittime gli omosessuali. E' quanto ha dichiarato, monsignor Silvano Maria Tomasi, nei due discorsi tenuti alla sessione del Consiglio per i diritti umani in corso nella città elvetica: il primo, ieri, sul tema della violenza contro i bambini nel mondo, il secondo, pronunciato stamane, sulla questione delle discriminazioni in base agli orientamenti sessuali e all'identità di genere.
-''Ho voluto ribadire, a nome della Santa Sede - ha detto alla Radio Vaticana monsignor Tomasi - che i nuovi tentativi di creare diritti per minoranze, per piccoli gruppi non portano nella direzione giusta, nel senso che mentre vogliamo rispettare la dignità e prevenire violenza e discriminazione contro qualsiasi persona, incluse le persone che hanno un comportamento sessuale diverso, si vuole insistere sul fatto che i principi proclamati nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo gia' prevedono e gia' provvedono affichè non ci sia questa discriminazione, per cui arrivare a proporre eventualmente dei diritti particolari va a indebolire il principio dell'universalita' dei diritti come e' stata finora intesa''. ''Questo - ha aggiunto - e' il punto cruciale, mi sembra, da dover tenere in considerazione. E poi, adesso parliamo di risposta a tendenze che alcuni Stati e alcuni gruppi di pressione stanno promuovendo, cioe' il diritto non solo al rispetto e alla non discriminazione delle persone che hanno comportamenti sessuali diversi, ma addirittura in alcuni Stati e' stato introdotto il matrimonio tra persone dello stesso sesso che comporta una interpretazione nuova di questa istituzione''.

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©