Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Per il Pg "una condanna contro il buon senso"

Chiesta l'assoluzione per l'evasione fiscale di Dolce e Gabbana


Chiesta l'assoluzione per l'evasione fiscale di Dolce e Gabbana
25/03/2014, 17:07

MILANO - Il sostituto Procuratore di Milano, Gaetano Santamaria, ha chiesto l'assoluzione per i due stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, condannati in primo grado ad un anno e 8 mesi di reclusione per non aver dichiarato guadagni per 420 milioni a testa. 

Secondo il Pg, la condanna sarebbe in contrasto "col buon senso giuridico". Una opinione differente è quella dell'Agenzia delle Entrate, costituitasi parte civile, che ha chiesto la condanna degli imputati e la restituzione delle somme non versate a suo tempo.

Il Pg ha chiesto anche l'assoluzione per i coimputati: Alfonso Dolce (in primo grado condannato a un anno e 4 mesi), Cristiana Ruella (1 anno e 4 mesi), Giuseppe Minoni (1 anno e 4 mesi) e il commercialista e consulente Luciano Patelli (1 anno e 8 mesi). 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©