Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un altro locale multato per mancanza di requisiti sanitari

Chiuso bar gestito da pregiudicato: non aveva la licenza


.

Chiuso bar gestito da pregiudicato: non aveva la licenza
23/01/2010, 14:01

CASTELLAMMARE – Un’attività commerciale chiusa per mancanza delle necessarie autorizzazioni e un’altra sanzionata per violazioni delle norme igienico sanitarie. Questo il bilancio dei controlli effettuati nella giornata di ieri dagli uomini della compagnia dei carabinieri di Castellammare di Stabia, guidata dal capitano Giuseppe Mazzullo. I controlli si sono concentrati nel quartiere alla periferia nord della città. A finire nei guai due bar al Savorito. Il primo locale, risultato a seguito di una serie di verifiche gestito da noti pregiudicati della zona, era sprovvisto della licenza. Un’attività commerciale già finita in passato sotto la lente d’ingrandimento delle forze dell’ordine e degli ispettori sanitari del dipartimento di prevenzione dell’asl Napoli 3 sud, perché senza permessi e necessari requisiti igienico-sanitari. Dopo diverse sanzioni, ieri mattina i militari hanno effettuato una serie di controlli all’interno del locale. I gestori non hanno fornito ai carabinieri le necessarie autorizzazioni per lo svolgimento dell’attività commerciale e dunque sono scattati i sigilli. Nel corso della giornata i militari, in collaborazione con il personale dell’Asl, hanno provveduto al controllo anche di altri locali della zona. In particolare un altro bar, è risultato sprovvisto dei requisiti igienico-sanitari. Il titolare è stato dunque multato: in base alla vigente normativa, adesso dovrà provvedere entro 60 giorni, alla tinteggiatura delle pareti e a ristrutturare i servizi. Se non si provvederà in questo senso, anche per questo bar sarà disposta la chiusura. I controlli delle forze dell’ordine in città, continueranno anche nei prossimi giorni concentrandosi in altre zone del territorio. Si procederà anche alla verifica della corretta emissione delle ricevute fiscali per contrastare il fenomeno dell’evasione e del lavoro nero. I titolari di esercizi commerciali che saranno sorpresi più di una volta a non emettere scontrini, verranno segnalati all’Agenzia delle Entrate. Alla terza effrazione scatta automatica la chiusura

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©